pulire-taglieri-plastica

Come pulire e sbiancare i Taglieri in plastica

I taglieri in polietilene, cioè quelli in plastica, sono proprio indispensabili in cucina. Ci aiutano nella preparazione di particolari pasti e al tempo stesso sono più facili da pulire.

Come ben sappiamo però, essendo a contatto con alimenti sempre diversi, è necessario che vengano lavati con cura al fine di limitare la proliferazione batterica.

E proprio per non contaminare gli altri cibi con cui entrano in contatto, oggi scopriremo come pulire e sbiancare i taglieri in plastica.

Sale e limone

Il sale e il limone sono dei veri toccasana per i nostri taglieri. Agiscono sulle superfici rimuovendo macchie e neutralizzando ogni tipo di odore.

Versate una manciata di sale grosso sul tagliere, dopodiché strofinateci su con mezzo limone. In questo modo, diventerà una vera e propria spugnetta, grattando via tutti i residui grazie al suo effetto ‘scrub’.

Per quanto riguarda i limoni, potete utilizzarne tranquillamente uno già spremuto. Mantiene la sua efficacia e, al tempo stesso, combattiamo gli sprechi.

Fatto ciò, sciacquate abbondantemente sotto l’acqua corrente e lasciate asciugare.

Aceto

Quello dell’aceto è un trucchetto che possiamo usare soprattutto per contrastare gli odori più forti come quelli di aglio e cipolla.

Ah dimenicavo... se ti piacciono i miei rimedi naturali puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP, così non te ne perderai neanche uno! Ecco come fare.. ti aspetto!

Tutto ciò che dovrete fare sarà versare un bicchiere di aceto di vino bianco in un flacone spray aiutandovi con un imbuto.

Vaporizzatelo, dunque, su tutta la superficie e lasciate agire per 30 minuti.

Dopodiché, potete procedere con il classico lavaggio.

L’aceto assorbirà ogni odore, donando una nuova vita al vostro tagliere preferito!

Acqua ossigenata e aceto

Non tutti sanno che l’acqua ossigenata è un vero portento soprattutto se abbiamo tagliato della carne cruda. Se poi è in combinazione con l’aceto, l’effetto è più che sorprendente!

Versate in una ciotola un bicchiere di acqua ossigenata e uno di aceto di vino bianco. Prendete una spugnetta, e dopo averla imbevuta nel liquido, cominciate a strofinare delicatamente su tutto il tagliere.

Lasciate agire per 20-30 minuti e poi procedete con un lavaggio con sapone di Marsiglia.

L’acqua ossigenata, infatti, si presta a molti utilizzi in casa. Ad esempio, è ottima per ravvivare il bianco dei nostri capi.

Pasta sbiancante

Quante volte vi sarà capitato di avere un tagliere tutto ingiallito? Ciò capita quando entra a contatto con alimenti più pigmentati o quando non lavato nel modo corretto.

Cosa fare per sbiancare le superfici? Vi basterà preparare una pasta, con 2 cucchiai di bicarbonato, 2 di succo di limone e 2 di aceto.

A questo punto, con una spugnetta applicatelo su tutta la zona e strofinate delicatamente.

Il bicarbonato ed il limone possiedono notevoli proprietà sbiancanti, che insieme all’aceto non fanno altro che potenziarne l’effetto rimuovendo anche gli odori più sgradevoli.

I vostri taglieri torneranno come nuovi con solo pochissimi ingredienti naturali!

Sapone di Marsiglia

Ed infine, il metodo più classico di tutti. Parliamo del sapone di Marsiglia, un prodotto che utilizziamo quando preferiamo un approccio più delicato per le nostre superfici.

Dunque, armatevi di gomito e cominciate a strofinare il tagliere con una spugnetta e il sapone di Marsiglia liquido.

In alternativa, potete utilizzare anche le scaglie di sapone di Marsiglia. Con loro possiamo pulire tantissime cose in casa!

Sciacquate poi con abbondante acqua.

Altri consigli da non dimenticare

Tramite il contatto con gli alimenti, i taglieri prolificano molti batteri. Per cui, consigliamo di utilizzare un tagliere per ogni tipologia di alimento. Ad esempio, uno per il pesce, uno per la carne e uno per le verdure.

Proprio a questo proposito, ci teniamo a ricordarvi di effettuare ogni lavaggio in maniera minuziosa soprattutto dopo il contatto con carni crude.

Preferite, inoltre, quelli in plastica più resistenti e semplici da pulire. Quelli in legno, infatti, avendo un materiale poroso tendono ad assorbire tutte le sostanza trattenendole più a lungo.

Avvertenze

Ricordiamo di consultare l’etichetta di produzione del tagliere e di procedere su un angolino nascosto prima di procedere con i seguenti rimedi.