come-fare-cambio-di-stagione

Come fare il Cambio di Stagione in modo facile e veloce!

Siamo in piena primavera, ed è l’occasione ideale per mettere da parte tutti i maglioni invernali e cappotti per fare spazio ad abiti freschi e colorati.

Ma quanto è faticoso fare il cambio di stagione? Oltre ad essere stancante, richiede anche svariate ore.

Se non sapete da dove iniziare, siete nel posto giusto. Oggi, infatti, scopriremo come farlo in modo facile e veloce!

Per iniziare

Certamente in attività come queste, è fondamentale tenere ben chiari tutti gli step da affrontare al fine di organizzare il tutto al meglio.

Prima di iniziare, infatti, è bene svuotare completamente armadi e cassetti. Una volta tenuti davanti tutti i panni, sarà più semplice decidere cosa tenere anche per questa stagione e cosa no.

Per facilitarvi, dunque, potreste anche cominciare a separarli nell’esatto momento in cui li tirate dagli scaffali.

E poi, quante volte ci è capitato di riempire bustoni interi con indumenti e scarpe che non mettiamo più? Questo è probabilmente il passaggio più importante, chiamato anche ‘decluttering’, consiste nel liberarci di ciò che non indossiamo e che di conseguenza non usiamo più.

Potreste pensare di donarli o regalarli, in modo da ritrovare ancora più spazio a disposizione e non solo. Così sareste già avvantaggiati per il cambio di stagione successivo, anche perché non si finisce mai di fare shopping! In caso contrario, potrebbe servire una casa solo per i vostri abiti!

Ah dimenicavo... se ti piacciono i miei rimedi naturali puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP, così non te ne perderai neanche uno! Ecco come fare.. ti aspetto!

Ad ogni modo, prendete tutti i capi invernali e riponeteli in scatole oppure sacchetti, da posizionare successivamente nella zona meno utilizzata degli armadi, come la parte superiore.

Ma ora passiamo allo step successivo, ovvero la pulizia dei mobili.

Aceto

Il primo rimedio che vediamo oggi è quello con l’aceto. Sono ormai note le sue proprietà sgrassanti e anti-odore, tali da renderlo uno degli ingredienti naturali più versatili.

Versate, dunque, mezza tazza di aceto di vino in un secchio pieno di acqua calda e immergetevi un panno all’interno. Una volta strizzato, passatelo su tutte le superfici interne ed esterne, provando a non trascurare anche gli angoli più nascosti.

Sciacquate, infine, con un panno umido e lasciate asciugare. Dopodiché, sarete pronti per inserire tutti i vostri abiti primaverili.

Importante: Ricordiamo che l’aceto è sconsigliato su superfici in marmo e pietra naturale. Va evitato, inoltre, sul legno verniciato, lucido e laminato.

Sapone di Marsiglia

Con il suo approccio delicato, il sapone di Marsiglia, invece, si adatta alle più svariate superfici. Lo utilizziamo spesso per detergere e deodorare anche il frigorifero.

In questo caso, vi basterà versare un cucchiaio di scaglie di sapone di Marsiglia in un secchio pieno di acqua calda e procedere con il lavaggio.

Immergete, dunque, uno strofinaccio e dopo averlo strizzato passatelo su tutte le zone, rimuovendo sporco e polvere.

Lasciate asciugare ed eccolo pulito e profumatissimo!

Bicarbonato

Ovviamente non poteva mancare il tanto caro bicarbonato di sodio! Oltre a neutralizzare gli odori, è molto utile anche quando si tratta di rimuovere le incrostazioni più resistenti dal forno.

Tutto ciò che dovrete fare sarà sciogliere 40 grammi di bicarbonato di sodio in 500 ml di acqua. Per un effetto più profumato, potete anche aggiungere 10 gocce degli oli essenziali che più preferite come quelli alla lavanda.

Trasferite poi la soluzione in un flacone spray e vaporizzate su tutte le superfici. Dopodiché, passate un panno ed ecco fatto!

Miscela antimuffa

Avete presente quando negli armadi troviamo un odore più pesante? Ciò è dovuto alla formazione di muffa, nella maggior parte dei casi, in zone più nascoste e umide.

Pertanto, possiamo cogliere al volo l’occasione per dedicarci minuziosamente anche a questo problema. Come? Con la nostra miscela antimuffa fai da te!

Vediamo tutto l’occorrente.

Ingredienti

  • 1 litro di acqua
  • 3 cucchiai di sale fino
  • 3 cucchiai di bicarbonato
  • 3 cucchiai di acqua ossigenata

Procedimento

Versate tutti gli ingredienti all’interno di uno spruzzino e agitate prima dell’uso. Ciò contribuirà a sciogliere ulteriormente ogni tipo di residuo.

Vaporizzate su tutte le macchie di muffa e passate un panno. Dopodiché, fate asciugare e, solo a questo punto, inserite nuovamente gli abiti.

Anche in questo caso, se volete donare un bell’aroma all’ambiente potete aggiungere 10 gocce di oli essenziali.

Per profumare

Aprire le ante degli armadi ed essere travolti da un buon profumo è sempre molto piacevole. Esistono molti modi per realizzare dei profuma biancheria con rimedi naturali. Uno di questo è quello con il riso.

Vi basterà versare in una ciotolina 2 cucchiai di riso insieme a 10 gocce di oli essenziali e lasciare in posa per 15 minuti.

Fatto questo, trasferite il tutto in un sacchetto di cotone e posizionatelo sui ripiani degli armadi o nei cassetti.

Oltre ad emanare un bellissimo odore, il riso grazie alle sue proprietà assorbenti, contribuirà a trattenere l’umidità.

Dove mettere i vestiti per il cambio di stagione?

I vestiti possono essere riposti in appositi contenitori o in scatole, da posizionare in zone meno utilizzate dell’armadio come la parte superiore.

Quando fare il cambio di stagione nell’armadio?

Il cambio di stagione andrebbe fatto tra marzo e aprile per i capi primaverili ed estivi, e tra settembre e ottobre per quelli invernali.

Come scegliere cosa buttare dall’armadio?

Cominciate con il buttare gli abiti danneggiati come quelli senza bottoni, bucati o con macchie. Poi quelli che non rappresentano più il vostro stile e che pensate di non indossare più.

Come sistemare i cappotti e i giubbini?

Basta inserirli in apposite pellicole per indumenti, e sistemarli senza appiattirli troppo. Ciò li proteggerà da polvere e sporco.

Avvertenze

Vi ricordiamo che va evitato l’uso dell’aceto su marmo, pietra naturale, legno laccato, laminato e lucido.

Inoltre, è bene consultare un esperto in caso di macchie di muffa più ostinate.