come-pulire-cassetti-scaffali-frigo

Come pulire a fondo i cassetti e gli scaffali del frigo

Non c’è niente di più bello di aprire il frigo e trovarlo pulito e profumato in ogni angolo. Lo vorremmo sempre così, soprattutto perché si stratta di un’operazione che a volte ci richiede tante ore.

Quando riponiamo alcuni alimenti in frigo, infatti, se non consumati a tempo debito possono anche macchiare tutte le superfici. E non solo, ciò capita anche con contenitori o barattoli non sigillati nel modo corretto.

Inoltre, le basse temperature seccano le macchie, rendendone più difficile la rimozione. Ma niente paura, perché con questi trucchetti scoprirete come pulire a fondo i cassetti e gli scaffali del frigo in modo facile e veloce!

Per iniziare

Prima di iniziare, è bene svuotare interamente il frigo. Quest’operazione, infatti, ci permetterà di avere una visuale completa e di poter rimuovere delle componenti qualora fosse necessario.

Ciò ci permetterà di effettuare anche una pulizia più profonda e duratura nel tempo.

É, inoltre, anche un’occasione per liberarci di tutto ciò che avevamo dimenticato di cestinare, in modo da poter fare anche più spazio ai nuovi acquisti.

Prima di riporli nuovamente in frigo, ricordate sempre di passare uno strofinaccio umido su tutti i contenitori e bottiglie.

Importante: Spegnete il frigo e staccate la spina prima di procedere in totale sicurezza.

Ah dimenicavo... se ti piacciono i miei rimedi naturali puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP, così non te ne perderai neanche uno! Ecco come fare.. ti aspetto!

Limone

Il primo rimedio che vediamo oggi è quello con il limone. Particolarmente utile quando si vogliono contrastare le macchie di unto rilasciate da barattoli mal chiusi o piatti gocciolanti.

Tutto ciò che dovrete fare sarà tagliare a fette 5 limoni e lasciarli macerare per una settimana in un litro di aceto di vino bianco.

Questo passaggio servirà a far assorbire all’aceto tutta l’essenza dei limoni, potenziandone l’effetto sgrassante.

Trascorso questo tempo, filtrate la soluzione con un colino e trasferitela in un flacone spray.

Vaporizzate su tutte le superfici e strofinate con una spugnetta morbida. Sciacquate, infine, con un panno umido in microfibra.

In questo modo, anche le tracce più resistenti verranno via, rilasciando un incredibile profumo in ogni punto!

Aceto

L’aceto è un ingrediente di per sé molto efficace, motivo per cui possiamo utilizzarlo anche singolarmente.

Vi basterà semplicemente diluire acqua e aceto in parti uguali. Ad esempio, 250 ml di acqua e 250 ml di aceto.

Per la pulizia del frigo, consigliamo particolarmente l’aceto bianco di alcol, noto per le sue proprietà smacchianti e deodoranti. Ma qualora non lo aveste in casa, potete usare anche del comune aceto di vino bianco.

A questo punto, versate tutto in uno spruzzino e nebulizzate sulle superfici. Strofinate con una spugnetta non abrasiva e sciacquate con un panno umido.

Smacchia-frigo fai da te

Vi è mai capitato di ritrovare i cassetti tutti sporchi a causa di un frutto marcio? Oltre a conferire un odore poco gradevole, lascia anche delle macchie incrostate difficili da mandare via.

Strofinate, strofinate.. ma niente da fare! Ecco perché oggi vi proponiamo questo detergente smacchiante per il frigo con soli ingredienti naturali!

Ingredienti

  • 900 ml di acqua demineralizzata
  • 4 cucchiai di sapone di Marsiglia grattugiato
  • 50 ml di aceto (di alcool o di vino)
  • 10 gocce di olio essenziale o di tea tree oil.

Preparazione

Versate in un pentolino l’acqua, l’aceto, e il sapone di Marsiglia e fate scaldare. Mescolate, dunque, fino a quando non risulterà un composto omogeneo e il sapone si sarà sciolto completamente, senza raggiungere l’ebollizione.

A questo punto fate raffreddare, e aggiungete le gocce di oli essenziali. Queste, infatti, ci aiuteranno a donare un meraviglioso profumo alle superfici.

Una volta freddo, non vi resta che versarlo in un flacone spray e vaporizzarlo su tutte le superfici interne del frigo.

Lasciate agire per 10 minuti, dopodiché strofinate sugli aloni più ostinati con una spugnetta non abrasiva e sciacquate con un panno inumidito.

Questo detergente fai da te vi aiuterà a lavare a fondo il vostro frigo senza fatica e con ottimi risultati!

Bicarbonato

Se il vostro problema maggiore è dato dagli aloni sul ripiano lasciato dai contenitori, possiamo appellarci all’immancabile bicarbonato di sodio.

Sciogliete un cucchiaio di bicarbonato in mezzo litro d’acqua e versate tutto in uno spruzzino.

Vaporizzate poi sulle zone interessate e lasciate in posa per 10 minuti. Trascorso questo tempo, strofinate delicatamente con una spugnetta e sciacquate con un panno umido.

In alternativa, potete anche semplicemente immergere la spugnetta nella soluzione.

Il bicarbonato detergerà le superfici neutralizzando ogni odore.

Riso

Avreste mai immaginato di utilizzare del riso per pulire gli interni del vostro frigo? Si tratta, infatti, di un trucchetto poco conosciuto ma molto efficace!

Come prima cosa, dovrete lasciare in ammollo 150 gr di riso in 400 ml di acqua per 2 giorni. Durante questo tempo, il riso rilascerà tutte le sue proprietà e l’amido atti a detergere le superfici.

D’altronde, l’acqua di riso possiede innumerevoli benefici anche per la cura del corpo e dei capelli.

Una volta pronto, non vi resta che filtrare il liquido con un colino e trasferirlo in un flacone spray.

Vaporizzatelo sulle superfici interne e passate un panno o una spugnetta morbida.

Il riso viene spesso utilizzato per le sue capacità assorbenti, per cui sarà ottimo per rimuovere macchie e odori più sgradevoli.

Altri Consigli Utili

Dopo aver lavato e sciacquato ripiani e cassetti, è opportuno asciugarli bene con un panno per eliminare completamente ogni cattivo odore.

Questo passaggio, infatti, ci permetterebbe di rimuovere anche i residui più nascosti.

Per mantenere, inoltre, il frigo costantemente profumato consigliamo di inserire una ciotolina di bicarbonato o delle fettine di limone.

Avvertenze

Vi ricordiamo di spegnere il frigo e staccare la spina prima di procedere con la pulizia.

Consigliamo, inoltre, di provare i rimedi suggeriti su un angolino nascosto per verificarne la tollerabilità.